Crea sito

U - Associazione Tutela delle Tradizioni Popolari del Trapanese

Vai ai contenuti

Menu principale:

U

Aforismi

"Unzi, dunzi, trinzi, cari, carinzi, gniffi, gnaffi, cunta, cà deci, sù!!"
Filastrocca utilizzata nel nisseno dai bambini di una volta per fare la conta

U surci dissi a'noci: "Dammi tempu ca ti perciu"!

Il topo disse alla noce: "Col tempo arriverò ad aprirti"!
Espressione utilizzata per dire che col tempo si arriva all'obbiettivo.

U surci dici o scravagghio: "Nuddru s'arricchisci co so travagghiu!!"

Tipico detto siciliano per dire che difficilmente si ci arricchisce senza un aiuto(disinteressato).

U culu chinu jetta cauci

Il culo pieno tira calci.
Si dice di chi è viziato.

U immurutu a mezz'a via u so immu 'n su talìa.

Il gobbo, mentre cammina, non guarda la sua gobba.
Detto di chi guarda i difetti degli altri piuttosto che i propri.

U sceccu 'nto linzolu

L'asino nel lenzuolo.
Detto di chi fa l'ingenuo

Unni chiovi ci sciddica

Dove piove gli scivola (l'acqua).
Detto di una persona strafottente.

Unni va lu sceccu va la cuda.

Dove va l'asino va la coda.
Si dice di due persone che vanno sempre insieme.

Unu chi caca, centu ch'a tengunu

Per una persona che evacua ce ne vogliono cento per tenerla.

U voi ci dici  curnutu o sceccu

il bue dice cornuto all'asino

U minchia unni egghiè, u curnutu a lu so paisi.

Lo stupido è stupido dovunque, il cornuto lo è solo al suo paese(dove lo sanno).

Testa ca nun parra si chiama cucuzza.
Testa che non parla si chiama zucca.

Unna maggiuri cé minuri cessa.
Dove il maggiore c'è, il minore è nulla.

U immirutu jeva e vineva, ma u immu so nun su vireva.
Il gobbo andava e veniva, ma la sua gobba non la vedeva.

U surdu un è cu nun senti ma cu nun voli sentiri.
Il sordo non è chi non sente ma chi non vuole sentire.

Un patri campa centu figghi ma centu figghi non campanu un patri.
Un padre mantiene cento figli, mentre cento figli non riescono a mantenere un padre.

Un c'è minchia senza cugghiuna.
Non c'è pene senza testicoli.
Nulla sussiste senza solide basi.

U cani muzzica sempre u spardatu.
Il cane morde sempre il povero.

Un futtiri mai a casa ru ladru picchi c'arresti futtutu.
Non rubare mai a casa del ladro perché resterai fregato.

U ferru si batti mentr'è caudu.
Il ferro si batte mentre è caldo.

U micceri bannìa chiddu chi avi
Il mercante pubblicizza la sua merce

U Signuri runa pani a cu unnavi renti.
Dio dà il pane a chi non ha denti.

U sceccu di calata nun s'ammutta.
L'asino in discesa non va spinto!

U sulu quannu affaccia, affaccia pi tutti.
Il sole quando spunta, spunta per tutti!

U rispettu è misuratu, cu lu porta l'avi purtatu.
Il rispetto è misurato, chi lo porta lo riceve

U iattu du furgiaru non si scanti di spisiddi
Il gatto del fabbro non ha paura delle scintille –
Si dice per affermare la propria padronanza nel fare le cose.

U pumu fracitu guasta tutti l'autri.
Una mela fracida messa insieme a quelle buone, le fa guastare.

U ranciu i pantanu ci dici o sceccu "jambi stotti"
Il granchio dice all'asino che ha le gambe storte

U varagnu fa passari 'a stanchizza
Il guadagno fa passare la stanchezza

U immuruto mmezzo a via u so immo un su talia

Il gobbo in mezzo alla strada non guarda la sua gobba

U pisci fete siempre ra testa
Il pesce inizia a puzzare sempre dalla testa

U pupu, quannu si vesti bonu, si senti puparu.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu