Crea sito

pagina 1 - Associazione Tutela delle Tradizioni Popolari del Trapanese

Vai ai contenuti

Menu principale:

pagina 1

Filastrocche
 

Siciliano

Italiano

 

Tulì tulì tulì

Tulì tulì tulì setti fimmini p’un tarì
Un tarì è troppu pocu
setti fimmini p’un vraccocu
U vraccocu è troppu duci
setti fimmini pi ‘na nuci
A nuci è troppu dura
setti fimmini pi ‘na mula
A mula jetta cauci
setti fimmini pi ‘na fauci.
A fauci havi lu pizzu
setti fimmini p’un marvizzu
U marvizzu havi l’ali
setti fimmini p’un canali
U canali jetta l’acqua
setti fimmini pi ‘na vacca
A vacca havi li corna
setti fimmini pi ‘na donna
La donna voli saliri supra li spaddi di mastru Natali
Mastru Natali c’u spitu ‘n coddu passa lu ciumi e si stocca lu coddu.

Tulì tulì tulì

Tulì tulì tulì sette femmine per una moneta
una moneta è troppo poco
sette femmine per un’albicocca
L’albicocca è troppo dolce
sette femmine per una noce
La noce è troppo dura
sette femmine per una mula
La mula dà calci
sette femmine per una falce
La falce ha la punta
sette femmine per un tordo
Il tordo ha le ali
sette femmine per una grondaia
La grondaia porta acqua
sette femmine per una vacca
La vacca ha le corna
sette femmine per una donna
La donna vuole salire sulle spalle di mastro Natale
Mastro Natale ha lo spiedo al collo passa il fiume e si rompe il collo

 
 

Sutta u lettu d’a za Cicca

Sutta u lettu d’a za Cicca
c’è ‘na jatta sicca sicca
cu’ parra prima s’a va licca.
Sugnu figghia di spizzicali
pozzu arridiri e pozzu parrai.

Sotto il letto di zia Cicca

Sotto il letto di zia Cicca
c’è una gatta magra magra
chi parla prima se la và a leccare
sono figlia di speziale
posso ridere e posso parlare

 
 

Rosa pitosa

Rosa pitosa fimmina di casa
veni to maritu ti pizzica e ti vasa
ti jetta ‘n capu u lettu
e ti sona u friscalettu
ti jetta ‘n capu a cascia
e ti sona la grancascia.
A Lercara Friddi si aggiungono altre due versi
:
Ti vasa lu viddicu
e ti spunta un pedi di ficu

Rosa pitosa

Rosa pitosa femmina di casa
viene tuo marito e ti pizzica e ti bacia
ti butta sul letto
e ti suona il fischietto
ti butta sulla cassa
e ti suona la grancassa
A Lercara Friddi si aggiungono altre due versi
:
Ti bacia l’ombellico
e ti spunta un albero di fichi.

 
 

Luna lunedda

Luna lunedda
Fammi na cudduredda,
Fammilla bedda ranni
Ci la portu a San Giuvanni,
San Giuvanni non la voli,
Ci la portu a san Nicoli,
San Nicoli si la pigghia,
Ci la duna a li cunigghia
Li cunigghia scala scala,
Ci rumperu la quartara,
La quartara china di meli
Viva, viva San Micheli, olè.

Luna piccola luna

Luna lunedda
Fammi una ciambella
Fammela molto grande
La porto a san Giovanni
San Giovanni non la vuole,
La porto a San Nicola.
San Nicola se la prende,
E la da ai conigli.
I conigli per la scala
Gli ruppero la brocca.
La brocca piena di miele,
Viva viva San Michele, olè'.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu